Il content SEO è una parte fondamentale di qualsiasi strategia SEO. Senza contenuti, è impossibile per il tuo sito entrare nella SERP dei motori di ricerca. È quindi fondamentale scrivere e strutturare contenuti di qualità! Questa mini guida riassume tutti gli elementi più importanti del content SEO per creare contenuti di altissima qualità.

Che cos’è il content SEO?

Il content SEO si riferisce alla creazione di contenuti che aiutano le tue pagine Web a posizionarsi in alto nei motori di ricerca. Include tutto ciò che riguarda la scrittura e la strutturazione dei contenuti sul tuo sito Web. Ci sono tre elementi principali che devi considerare per produrre contenuti che aiuteranno il tuo sito Web a posizionarsi bene:

  • parole chiave;
  • struttura del sito;
  • copywriting.

Il content SEO è importante perché i motori di ricerca, come Google, “leggono” il tuo sito Web, quindi le parole che usi sul tuo sito determinano se il tuo sito verrà inserito o meno nelle loro pagine dei risultati. Ovviamente il content SEO non basta: il tuo sito Web dovrebbe essere ben progettato, con una struttura interna solida, un’ottima interfaccia utente e dotato di tutti quegli elementi tecnici che rendono il tuo sito “facile da leggere” per Google.

Tuttavia, senza contenuti di buona qualità, il tuo sito non ha alcuna possibilità di comparire fra i risultati dei motori di ricerca.

1. Ricerca per parole chiave

Che cos’è la ricerca per parole chiave?

La ricerca per parola chiave è fondamentalmente la procedura da seguire per creare un ampio elenco di parole chiave per le quali desideri classificarti. Ogni strategia di content SEO dovrebbe iniziare con la ricerca di parole chiave, perché devi sapere che cosa cerca il tuo pubblico se vuoi generare traffico. La ricerca per parole chiave ti aiuta a scoprire i termini che dovresti puntare a classificare.

La ricerca per parole chiave prevede quattro passaggi:

  • Innanzitutto, scrivi la mission della tua attività;
  • Successivamente, fai un elenco di tutte le parole chiave per cui vuoi essere trovato;
  • Guarda l’intento di ricerca;
  • Infine, crea landing page per tutte queste parole chiave.

Se esegui correttamente la ricerca delle parole chiave, dovresti avere una chiara panoramica dei termini utilizzati dalle persone e dei termini per i quali desideri che le pagine del tuo sito vengano trovate. Questa panoramica servirà da guida per la scrittura di contenuti sul tuo sito web.

 


Se vuoi saperne di più su come scrivere ottimi contenuti per il web consulta il nostro corso: Scrivere per il WEB


 

 

Perché la ricerca per parole chiave è così importante per il content SEO? Una corretta ricerca per parole chiave chiarirà quali termini di ricerca vengono utilizzati dal tuo pubblico. Questo è cruciale.

Devi parlare come parlano i tuoi clienti altrimenti non c’è comunicazione. Se ottimizzi le tue pagine in base a delle parole chiave che usi solo tu e non i tuoi clienti è come se stessi parlando da solo.

Fare una ricerca adeguata delle parole chiave ti aiuterà ad usare le stesse parole del tuo pubblico di destinazione e quindi dimezza lo sforzo di ottimizzare il tuo sito web.

Parole chiave e frasi chiave

Tendiamo sempre a usare la parola “parola chiave”, ma non significa che debba per forza essere una parola sola. “WordPress SEO” è una parola chiave, così come “plug-in di Google Analytics”. Quindi puoi avere parole chiave contenenti più parole e quindi “frasi chiave”!

Parole chiave a coda lunga

Più è lungo (e più specifico) un termine di ricerca, più sarà facile posizionare una pagina per quel termine. Le parole chiave più specifiche (e di solito più lunghe) vengono generalmente definite parole chiave a coda lunga. Le parole chiave a coda lunga sono più specifiche e si concentrano maggiormente su una nicchia.

Quante parole chiave?

È molto difficile fornire un numero esatto di parole chiave su cui concentrarsi. Anche se sei una piccola impresa, probabilmente finirai per avere circa 200 parole chiave. Ma non devi creare subito landing page per ognuna di loro.La cosa grandiosa di avere un Content Management System (CMS) come WordPress è che puoi aggiungere gradualmente i tuoi contenuti. Pensa a quali parole chiave desideri classificare immediatamente e quali non sono immediatamente importanti. Determina quali sono le tue priorità e pianifica la creazione dei tuoi contenuti.

Coda corta o lunga?

La classificazione delle parole chiave è essenziale. Alcune parole chiave sono molto comuni e competitive (coda corta o short tail), mentre altre sono più specifiche (a coda lunga o long tail). Decidi quali sono le tue parole chiave più importanti e di alto livello, quelle che genereranno traffico sufficiente per il tuo sito Web e si adattano meglio alla tua attività.

Probabilmente non avrai tantissime parole chiave a coda corta in riferimento alla tua attività. Saranno molte di più quelle a coda lunga, quindi più dettagliate.

Il content SEO incentrato sulle parole chiave più comuni dovrebbe trovarsi nelle pagine di livello superiore del tuo sito Web (pagina iniziale e le pagine un livello sotto la tua pagina iniziale), mentre i contenuti incentrati sulle parole chiave a coda lunga dovrebbero trovarsi in tutte quelle pagine gerarchicamente più in basso rispetto alla home (o altre pagine statiche).

Intento e obiettivo della ricerca

Mentre stai facendo una ricerca per parole chiave, è davvero utile pensare alle intenzioni di ricerca degli utenti. Quando digitano una query nella barra di ricerca stanno cercando informazioni o il loro obiettivo è comprare qualcosa?

L’intento delle parole chiave usate come query è chiaro nel caso di termini come “acquista” o “compra” o “vendi”, tutti verbi che indicano un’azione specifica insomma.

Ma non è sempre così semplice. Esistono quattro tipi di intenti:

  • Intento di navigazione: le persone desiderano visitare un sito Web specifico, ma anziché inserire l’URL, inseriscono un termine in un motore di ricerca.
  • Intento informativo: le persone stanno cercando una risposta a una domanda specifica o informazioni su un argomento specifico.
  • Intenzione commerciale: le persone vogliono acquistare qualcosa nel prossimo futuro e stanno facendo ricerche prima di effettuare un acquisto.
  • Intenzione transazionale: le persone hanno già effettuato una ricerca con intenzioni commerciali e adesso vogliono acquistare.

I motori di ricerca cercano sempre di rispondere alle esigenze esatte delle persone e stanno diventando sempre più bravi a indovinare le loro intenzioni. Quindi, in parole povere, se il 95% delle persone che cerca “cambia mobili per casa” ha un intento informativo e tu, invece, cerchi di ottimizzare le tue pagine per l’intento transazionale di “vendere casa” probabilmente non comparirai in moltissimi risultati di ricerca.

Puoi ottenere una grande quantità di informazioni dalle pagine dei risultati quando stai effettuando una ricerca per parole chiave. Se vuoi scoprire qual è l’intento delle persone che usano le tue parole chiave, semplicemente digita quelle parole sulla barra di ricerca di Google e dài un’occhiata ai risultati della ricerca. Prova a creare i tuoi contenuti in modo che rispondano all’esigenza specifica mostrata dai risultati per ogni parola chiave digitata.

Adattare la strategia di parole chiave

La tua strategia per le parole chiave non è e non deve essere statica. Dovrebbe cambiare ed evolvere insieme alla tua azienda e al tuo sito web. Dovrebbe evolversi e crescere con te. In caso contrario, lo stai facendo in modo sbagliato.

Chi non cambia è destinato a morire e la tua strategia di content marketing deve cambiare con te. Se il tuo negozio online inizia a vendere nuovi prodotti, estendi l’elenco di parole chiave aggiungendone di nuove in riferimento ai nuovi prodotti. Se miri a nuovi mercati, è fondamentale che le tue parole chiave siano rivolte anche a questi nuovi mercati.

Esistono diverse strategie di parole chiave da adottare. Una di queste è iniziare cercando di classificare le parole chiave a coda lunga e poi mirare a parole chiave più generiche in seguito, ma potresti anche iniziare concentrandoti su quelle generiche e poi mirare a parole chiave a coda lunga dopo. Puoi ingrandire e perseguire più attività di nicchia, ampliare il tuo approccio, aggiungere più contenuti su cose diverse o puoi fare entrambe le cose contemporaneamente.

2. Struttura del sito

Il secondo aspetto importante del content SEO è la struttura del tuo sito. Prima spiegherò perché la struttura del sito è fondamentale, poi ti mostrerò come appare una struttura del sito ideale. Fornirò anche suggerimenti su come (rapidamente) migliorare la struttura del tuo sito senza stravolgere completamente il nucleo del tuo sito web.

Perché la struttura del sito è importante per il content SEO?

Ci sono due ragioni principali per cui la struttura del sito è un fattore importante per il posizionamento:

1. Una buona struttura aiuta Google a “capire” il tuo sito

Il modo in cui è strutturato il tuo sito fornisce a Google indizi significativi su dove trovare i contenuti più importanti. La struttura del tuo sito determina se un motore di ricerca comprende di cosa tratta il tuo sito e con quale facilità trova e indicizza i contenuti pertinenti allo scopo e alle intenzioni dello stesso. Una buona struttura del sito porterà quindi a un posizionamento più alto su Google.

Creando una struttura di questo genere, puoi sfruttare pagine ben posizionate, che hanno attirato parecchi link esterni, per posizionare meglio e ottimizzare altre pagine del tuo sito.

Su un sito con e-commerce, questo significa che puoi utilizzare i contenuti di qualità che hai scritto già per migliorare il posizionamento nei motori di ricerca delle tue pagine di vendita.

2. Una buona struttura del sito assicura che le che le pagine del tuo sito non vadano in conflitto fra di loro

Sul tuo sito web, avrai probabilmente più articoli su argomenti simili. Se hai un sito web che per esempio parla di cinema, avrai sicuramente moltissimi articoli che parleranno di film. Se il tuo sito non è ben strutturato Google non riuscirà a capire quale tra tutti i tuoi articoli è quello più importante.

È importante che ciò sia chiaro altrimenti avremmo degli articoli in competizione fra loro per le prime posizioni.

Quindi, risolvere problemi come questo utilizzando una solida struttura di collegamento interna comporterà classifiche più elevate nel complesso.

La struttura ideale di un sito

Idealmente, dovresti strutturare il tuo sito come una piramide. In cima alla piramide c’è la tua homepage e sulla homepage ci sono i collegamenti ad alcune altre pagine. Queste pagine, a loro volta, si collegano ad altre pagine.

In un’efficace strategia SEO per i contenuti, la strategia delle parole chiave e il modo in cui strutturi il tuo sito lavorano insieme. In una corretta strategia di parole chiave, avrai pensato a parole chiave comuni e competitive e a termini di ricerca di nicchia più lunghi.

Dovresti fare una distinzione simile anche per quanto riguarda la struttura del tuo sito. Le pagine incentrate su termini di ricerca più comuni dovrebbero apparire in alto nella tua piramide, mentre le pagine ottimizzate per parole chiave più lunghe dovrebbero apparire nella parte inferiore della struttura del tuo sito. Queste pagine a coda lunga nella parte inferiore della piramide devono collegarsi correttamente alle pagine più alte nella piramide.

Suggerimenti pratici per migliorare la struttura del tuo sito

Se hai già un sito web online e non sei del settore, potrebbe essere un po’ tardi per impostare la struttura del tuo sito in un modo piramidale ideale. Non disperare: ci sono ancora molte cose che puoi fare per migliorare la struttura del tuo sito e dei tuoi contenuti in ottica SEO.

Decidi il contenuto principale

Dovresti concentrare i tuoi sforzi sugli articoli più importanti. Questi sono gli articoli di cui sei più orgoglioso, che si adattano meglio alla mission del tuo sito web.

Se non hai ancora deciso quali dei tuoi articoli sono i più importanti, inizia a pensarci ora. Rendi questi articoli i migliori sul tuo sito e aggiornali regolarmente.

Collegamento dalla coda alla testa

Una volta che hai deciso i tuoi articoli di punta assicurati di collegare tutti gli altri contenuti secondari. In questo modo, Google saprà quali articoli classificare più in alto.

Usa i tag (ma non troppi)

Il tuo sito trarrà vantaggio anche dall’aggiunta di tag. I tag e le tassonomie daranno più struttura al tuo sito o, almeno, Google lo capirà meglio. Raggruppa i tuoi articoli in base agli argomenti. Non esagerare però. Alcune persone hanno più tag che articoli. L’uso di troppi tag renderà un sito Web confuso e mal strutturato.

Evita contenuti duplicati

Lo stesso contenuto può apparire in più punti del tuo sito. Come lettore, non ti dispiace. Ma un motore di ricerca deve scegliere qualcosa da mostrare nei risultati di ricerca, in quanto non vuole mostrare lo stesso contenuto due volte.

Inoltre, quando altri siti Web si collegano al tuo prodotto, è probabile che alcuni di essi si colleghino al primo URL, mentre altri si collegano al secondo URL. Ma se questi duplicati si collegano tutti allo stesso URL, la tua possibilità di classificare in top 10 per la parola chiave pertinente sarebbe molto più alta.
La canonicalizzazione è la soluzione per duplicare il contenuto.

Rimuovi i content SEO vecchi

Se il contenuto di una pagina è obsoleto, rimuovilo! Tuttavia, potresti aver avuto alcuni link utili a quella pagina. Vuoi assicurarti di beneficiare ancora di questi link, anche se la pagina non esiste più, quindi dovresti reindirizzare l’URL.

Preferibilmente, si reindirizza il vecchio URL (301) alla pagina o al prodotto che ha sostituito la vecchia pagina o il prodotto, o una pagina correlata se non vi è alcuna sostituzione. Potrebbe essere la pagina della categoria del prodotto specifico o, come ultima risorsa, la tua homepage. In questo modo la pagina (obsoleta) non interferirà più con la struttura del tuo sito.

Gestisci i contenuti orfani

Il termine “contenuto orfano” si riferisce ad articoli che non hanno collegamenti da altri tuoi articoli o post. Per questo motivo, questi articoli sono difficili da trovare, sia da parte di Google che degli utenti del tuo sito. Google considererà questo tipo di contenuto meno importante. Quindi, se un articolo è importante per te, chiariscilo a Google (e ai tuoi visitatori) inserendo dei link da altri contenuti che chiariscano l’argomento correlato.

3. Copywriting

Il terzo e ultimo aspetto di una strategia di content SEO di successo è il copywriting. Dovresti scrivere articoli che sono attraenti da leggere e che fanno desiderare al tuo pubblico di rimanere sul tuo sito web. Allo stesso tempo, vuoi rendere i tuoi contenuti SEO interessanti per Google.

Ma alcune persone si spingono troppo oltre e ottimizzano i loro contenuti in modo così evidente che diventano terribili da leggere. Ti consigliamo di ottimizzare il testo senza influire negativamente sull’originalità della tua idea o sulla leggibilità del testo.

Per saperne di più su come fare copywriting in maniera corretta consulta la nostra Guida definita al SEO Copywriting

Il copywriting inizia con un’idea originale

Il primo requisito per un copywriting di alta qualità è scrivere contenuti originali. Il tuo post sul blog o il tuo articolo dovrebbero essere “freschi”, nuovi e originali. Deve essere diverso da tutti gli altri post e articoli del blog che sono già su Internet. Dovrebbe essere un contenuto che le persone vorranno leggere perché vi trovano informazioni di valore.

Se hai fatto bene la ricerca delle parole chiave, hai trovato un lungo elenco di termini per i quali desideri essere trovato. Questo elenco può essere un buon punto di partenza per scegliere da dove vuoi iniziare. Una parola chiave non è ancora un argomento, però. Dovresti assicurarti di avere un’idea originale per il tuo post sul blog, un’idea in cui la parola chiave focus desiderata ha un posto di rilievo.

Un content SEO originali non significa necessariamente scrivere contenuti nuovi di zecca. Naturalmente, se la tua storia è completamente nuova, ciò significa automaticamente che è originale. Tuttavia, anche dare la tua opinione (professionale) su un argomento particolare conta come contenuto originale. La tua personale prospettiva rispetto a un argomento renderà i tuoi contenuti unici e originali.

Pensa al tuo pubblico

Se vuoi scrivere contenuti originali, dovresti pensare al tuo pubblico e a chi sono i tuoi lettori. Inoltre, chiediti:

  • Cosa vuoi dire al tuo pubblico?
  • Quale sarà il messaggio principale del tuo articolo?
  • Qual è lo scopo del tuo articolo?
  • Che cosa vuoi che faccia il tuo pubblico dopo aver letto il tuo articolo? (Vuoi che si impegnino, a comprare le tue cose, a leggere altri post?)

Pensare a queste domande ti aiuterà a trovare un’idea originale per il tuo post o articolo.

Progettazione dei contenuti

La progettazione dei contenuti è un processo che ti aiuta a produrre contenuti in base alle reali esigenze degli utenti. Non ti aiuta solo a capire cosa desidera il tuo utente, ma si concentra maggiormente su ciò di cui l’utente ha effettivamente bisogno. Pensare ai tuoi contenuti in questo modo aiuterà i tuoi utenti a trovare ciò che cercano quando ne hanno bisogno, nella lingua e nel formato in cui hanno bisogno.

La progettazione dei contenuti non è solo una tecnica per aiutarti a produrre contenuti migliori, è un nuovo modo di pensare ai contenuti.

Il copywriting richiede contenuti SEO leggibili

Un requisito fondamentale per la scrittura di contenuti di alta qualità è la scrittura di contenuti facilmente leggibili. La leggibilità è importante sia per il tuo pubblico che per Google. Dopo tutto, non solo le persone leggono i tuoi articoli, ma anche Google egli altri motori di ricerca.

Se il tuo testo è ben strutturato e chiaramente scritto, i lettori capiranno il tuo messaggio, ma forse, cosa più importante, anche Google lo capirà bene. Se il tuo messaggio principale è chiaro per Google, è molto più probabile che il tuo post si classifichi bene nei motori di ricerca.

La leggibilità riguarda molti fattori, tra cui la struttura del testo, la lunghezza della frase e la scrittura di paragrafi chiari. Per ulteriori suggerimenti sulla leggibilità e su come scrivere contenuti di successo, puoi consultare la nostra guida gratuita: 10 regole per scrivere contenuti di successo.

Contenuto, contesto e intenti di ricerca

Man mano che Google diventa più intelligente, inizia a comprendere meglio i contenuti dei siti. Non si limita a vedere se una parola chiave viene utilizzata per un certo numero di volte in una pagina. Tiene conto anche del contesto di appartenenza delle parole chiave usate, come termini e frasi ricorrenti, parole e sinonimi correlati. Inoltre, come accennato in precedenza, Google è in grado di comprendere meglio le query degli utenti: cerca di determinare qual è l’intento di ricerca dell’utente.

Sta cercando un prodotto o solo informazioni? Quali pagine si adattano meglio a questo intento? Tutti questi sviluppi significano che dovresti concentrarti su qualcosa di più del semplice uso della parola chiave. Significa che dovresti anche pensare alle parole che usi intorno ad essa: chiariscono quale argomento stai discutendo? E hai in mente lo scopo del post o della pagina che stai creando? Fornisce solo informazioni o stai cercando di vendere qualcosa e si adatta con quello che i tuoi utenti stanno cercando?

Il contenuto dovrebbe essere ottimizzato per i motori di ricerca

Il requisito finale per scrivere contenuti di alta qualità è assicurarsi che il contenuto sia ottimizzato per i motori di ricerca. Vuoi che i tuoi contenuti SEO siano facilmente reperibili. La reperibilità ha a che fare con l’aumento della probabilità che Google mostri i tuoi contenuti nelle pagine dei risultati. È importante fare questa riflessione dopo aver scritto un post originale e leggibile.

Fare content marketing e strutturare contenuti in ottica Seo, così come migliorare la struttura del tuo sito e ottimizzare le pagine già esistenti sta alla base della sopravvivenza di qualsiasi tipo di attività nell’èra del digitale.

Per saperne di più consulta il nostro articolo su Come gestire un blog aziendale.

È un lavoro che richiede competenze tecniche e, cosa spesso sottovalutata, una quantità non indifferente di tempo. Se non hai ancora avviato una strategia di content marketing per la tua attività ti consiglio di iniziarla subito e di rivolgerti ad un professionista esperto che non ti faccia perdere tempo né buttare soldi.

Se vuoi maggiori info sul servizio di content SEO contattaci senza impegno. Valuteremo in maniera dettagliata la tua situazione e troveremo la soluzione più adatta a te e alla tua attività.

Conclusione sul content SEO

Il content SEO è una parte importantissima del content marketing. Comprende tutti gli aspetti della scrittura e della strutturazione dei contenuti sul tuo sito Web. Il content SEO è essenziale. Google legge e scansiona il testo del tuo sito web. L’algoritmo di Google decide il posizionamento del tuo sito in gran parte in base ai contenuti che pubblichi. E sappiamo tutti che il contenuto è re. Quindi, devi scrivere fantastici contenuti SEO, concentrarti sulle parole chiave giuste e strutturare il tuo sito Web in modo che Google lo capisca. È un sacco di lavoro, ma darà i suoi frutti nel lungo periodo.