Questa è la mia storia. Ed è il motivo per cui consiglio a chiunque di sedersi a tavolino a ragionare sulla propria carriera. Dopo tanta gavetta, sudore e impegno professionale, ero giunta ad una posizione lavorativa importante. Ero nel settore della consulenza e della formazione da ormai un decennio e tra corsi specifici ed esperienza sul campo avevo acquisito conoscenze e competenze notevoli.

Lavoravo, infatti, nel dipartimento Hr di una multinazionale in grande espansione con il ruolo di Responsabile Formazione e Sviluppo. C’era tanto lavoro da fare e io avevo tante idee e tanto entusiasmo.

Dopo poco però, la realtà è andata ben oltre le mie aspettative più negative. Mi sono costì ritrovata in un contesto lavorativo in cui autonomia, competenza, responsabilità ed etica professionale erano soltanto parole al vento e ogni tentativo di alzare la qualità del lavoro veniva visto come un attacco personale alla leadership del Direttore.

Non potevo svolgere il mio lavoro, le mie competenze e capacità venivano schernite e considerate “troppo”, non c’era riconoscimento né possibilità di crescita. In più, impiegavo 2 ore di traffico per andare e 2 ore per tornare dall’ufficio, piangendo in auto mattina e sera. Non avevo più motivo di andarci e non volevo più farlo.

Così, approfittando del rinnovo contrattuale, ho rifiutato il tempo indeterminato e ho salutato tutti. Lo stipendio e i benefits non ne valevano più la pena per me. Il Costo personale era diventato troppo alto. Avevo capito che volevo un altro tipo di guadagno.

 


Se vuoi saperne di più sull’obiettivo professionale e su come definirlo puoi leggere il nostro articolo: Orientamento professionale: il lavoro che fai dipende da chi sei.


 

Lavorando sul mio Personale Modello di Business, mi sono resa conto che le mie scelte professionali da quel momento in poi si sarebbero basate su altri tipi di Ricavi e Benefici.

 

Business-model-you-ricavi-e-benefici

Macchina aziendale, telefono, tablet, buoni pasto, benefits e stipendio non valevano tanto quanto la realizzazione e l’autonomia che ho oggi come libero professionista. Certo, ci sono ben altri tipi di Costi, ma la gratificazione che traggo dall’applicazione massima delle mie competenze e dall’imparare ogni giorno qualcosa di nuovo dalle persone che aiuto non ha prezzo.

In più impiego 20 minuti ad arrivare in ufficio, passo più tempo con mia figlia e ormai guadagno quasi il doppio del mio ultimo stipendio!

Cosa sono i Ricavi e i Benefici in un Modello Personale di Business?

I Ricavi

Sono tutte le fonti di reddito monetario che ottieni dal tuo lavoro: stipendio, compensi e onorari professionali, diritti d’autore e qualunque altra forma di entrata economica. A questi devi aggiungere eventuali benefits come l’auto, pc, telefono, tablet, assicurazioni e convenzioni sanitarie, piani pensionistici integrativi.

I Benefici

Riguardano invece aspetti “soft” come la maggior gratificazione, l’apprezzamento altrui o il sentirsi utili alla comunità. In poche parole, i Ricavi e i Benefici sono ciò che ottieni dal tuo lavoro. I Benefici sono sempre troppo sottovalutati quando si ragiona sui guadagni che si vogliono ottenere con il proprio lavoro. E questo perché di rado ci fermiamo a pensare cosa rappresenta per noi il lavoro e quanta importanza ha (o gli diamo) nella nostra vita.

Analizzando le fonti di reddito dell’attuale lavoro, spesso si scopre di avere altri possibili canali di entrata monetaria mai considerati prima. Non è detto quindi che rivedere la tua carriera significa dover rinunciare a qualcosa, magari trovi il modo di lasciare andare ciò che non ti piace e aumentare ciò ti fa stare bene, compresi i soldi!

Se anche tu vuoi rivedere il tuo percorso professionale, ritrovare la motivazione e dare una spinta alla tua carriera sei in ottima compagnia. Io l’ho fatto in prima persona ed ho creato dei percorsi facilitanti per l’Avvio alla libera professione pensati apposta per TE che stai rivalutando la tua intera vita lavorativa. Scopri di che si tratta e Contattaci per qualsiasi dubbio o domanda!